Marmo

Granito e travertino

Storia dei Mosaici Artistici
MOSAICI ARTISTICI AGRIGENTO - SICILIA

Storia della nascita e dell'utilizzo dei Mosaici

Il mosaico nasce prima di tutto con intenti pratici più che estetici: argilla smaltata o ciottoli venivano impiegati per ricoprire e proteggere i muri o i pavimenti in terra battuta.

Risalgono al 3000 a.C. le prime decorazioni a coni di argilla dalla base smaltata di diversi colori, impiegate dai Sumeri per proteggere la muratura in mattoni crudi.

Nel II millennio a.C., in area minoico -micenea, si iniziò ad usare, in alternativa all'uso dei tappeti, una pavimentazione a ciottoli che dava maggiore resistenza al calpestio e rendeva il pavimento stesso impermeabile, il che si ritrova anche in Grecia nel V secolo a.C.

A partire dal IV secolo a.C., vengono utilizzati cubetti di marmo, onice e pietre varie, che hanno maggiore precisione dei ciottoli, fino ad arrivare, nel III secolo a.C., all'introduzione di tessere tagliate.

Le prime testimonianze di mosaico a tessere a Roma si datano attorno alla fine del III secolo a.C., per impermeabilizzare il pavimento di terra battuta. Successivamente, con l'espansione in Grecia e in Egitto, si svilupperà un interesse per la ricerca estetica e la raffinatezza delle composizioni.

Inizialmente le maestranze provenivano dalla Grecia e portavano con sé tecniche di lavorazione e soggetti dal repertorio musivo ellenistico, ma il mosaico romano diventerà poi indipendente, diffondendosi in tutto l'Impero: si preferiscono temi figurativi per lo più stereotipati, ma soprattutto motivi geometrici, arabeschi e vegetazione stilizzata.

Giovanni II e sua moglie Piroska. Mosaico all'interno di Santa Sofia

Nel periodo imperiale avanzato il mosaico conobbe le sue espressioni più fulgide come dimostratoci dai ritrovamenti archeologici sia in occidente che in oriente. Si ricordano solo a titolo di esempio Villa del Casale in Sicilia e Zeugma sull'Eufrate. I temi di questi mosaici sono legati alla mitologia classica o a scene di vita quotidiana. Di periodo tardo imperiale sono anche i mosaici dell'area alto-adriatica: Altino e Aquileia. Quelli della basilica di Aquileia sono antichi esempi del mosaico con temi cristiani. La tradizione del mosaico continua con nuovi stilemi nel periodo bizantino. Tra le più alte espressioni, si ricordano le chiese di Ravenna, in particolare la basilica di San Vitale e quella di Santa Sofia a Costantinopoli. Di tradizione più tarda sono quelli del Torcello. Di influsso greco-bizantino sono anche i numerosi mosaici presenti nell'area mediorientale, tradizione che continuerà parzialmente con stilemi ancora diversi nel periodo del califfato omayyade.

Nell'arte romanica il mosaico non ha ruolo dominante per motivi economici e gli si preferisce l'affresco come decorazione parietale. Viene invece utilizzato per le superfici pavimentali, e vive il suo apice nel XII secolo, come testimonia il mosaico del Duomo di Otranto, risalente al 1163-1165. In Sicilia, invece, l'arte musiva assume una sua centralità nella ricca arte arabo-normanna delle cattedrali di Monreale e Cefalù, nella Cappella Palatina, nella chiesa della Martorana e nel Palazzo dei Normanni a Palermo. Tra il XI ed il XII secolo ha particolare sviluppo lo stile cosmatesco a Roma e in Italia centrale. La produzione sempre più vasta di piastrelle di ceramica verniciate sostituirà il mosaico pavimentale per il costo nettamente inferiore.

Nel Rinascimento il mosaico non è più mezzo creativo autonomo ma diventa virtuosismo: l'unico interesse è per l'apparente eternità del materiale musivo per rendere immortale l'opera pittorica. In epoca manierista e barocca diventa definitivamente subordinato all'architettura e alla pittura: nel primo caso è utilizzato come rivestimento pavimentale, con preferenze per l'opus sectile e la palladiana; nel secondo caso viene preferito solo per la sua maggiore durata nel tempo e resistenza alle intemperie, per cui si trova soprattutto sulle facciate dei palazzi.

 

 

Un particolare di Parco Güell di Antoni Gaudì

Il Novecento è il secolo che segna la rinascita del mosaico, in seguito alle esperienze di Impressionismo e Divisionismo, con cui ha in comune il frazionamento del colore, con l'avvicinamento a Espressionismo e Astrattismo per la semplificazione della forma e alla netta scansione cromatica, ma soprattutto grazie alla nascita del Liberty e dell'Art Déco, che lo solleveranno dal ruolo di arte secondaria.

In particolare, si ricordano Antoni Gaudì e Gustav Klimt per l'uso innovativo di questa tecnica ormai millenaria.

Pur avendo nobili e antiche origini il mosaico è tuttora un'arte praticata in tutto il mondo. In Italia naturalmente il centro del mosaico contemporaneo resta Ravenna. Alla fine del 2005 il Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico ha creato anche un archivio online intitolato Databank Mosaicisti Contemporanei, una vera e propria banca dati dei mosaicisti contemporanei per cercare informazioni e immagini relative ai mosaicisti, ai laboratori e alle loro attività artistiche.

Mosaici Artistici Realizzati a Mano - Agrigento
MOSAICI ARTISTICI CALTANISSETTA - SICILIA

Mosaici Artistici Agrigento

Non c’è elemento creativo che conferisca più originalità e classe a una casa raffinata di un autentico mosaico di marmo o di pietre. Nel prezioso marmo e nei suoi colori naturali si rispecchiano secoli e secoli di antiche tradizioni culturali arabe, greche e italiane e dell’intero Mondo. Nei mosaici e nelle bordure di marmo fatti a mano sta la forza dell’autenticità della lavorazione artigianale. Originali ed esclusivi, inconfondibili pezzi unici ricavati dalla nostra semplice fantasia o da un vostro progetto ben definito.

Il mosaico artistico realizzato a partire da un bozzetto libero ha un maggior livello di gradimento rispetto alla moderna produzione in serie – che sia a muro o sul pavimento, in salotto, in cucina o, per dare un tocco molto particolare, in bagno. Ed è proprio con le mattonelle, il grès, la ceramica e magari altri elementi marmorei che il mosaico realizza un’eccellente armonia. Un mosaico trasforma il bagno in un’oasi di benessere con un’atmosfera da Wellness, e conferisce alla stanza un carattere originale con reminiscenze dei rituali termali degli antichi.

Scegliere un mosaico creato dai nostri laboratori equivale a scegliere un artigianato artistico di altissima qualità sia per la tipologia dei materiali utilizzati sia per le lavorazioni manuali che riusciamo ancora a fare. L’arte dei mosaici si basa su un concetto particolare: noi combiniamo la ricchezza originaria dell’artigianato artistico arabo con la scrupolosità tedesca in fatto di qualità e organizzazione.

Ricordiamo a tutti che la nostra azienda a conduzione familiare da sempre realizza in modo artigianale i propri prodotti e solo per alcuni lavori più complessi utilizziamo macchinari di ultimissima generazione per garantire qualità costruttiva ai massimi livelli.

Operiamo in tutto il territorio Siciliano e specie nelle provincie di Agrigento,Caltanissetta,Enna,Ragusa,siracusa,Trapani,palermo,Catania e Messina.

Mosaici Artistici per Pavimenti Agrigento

I nostri Mosaici sono realizzati per la maggiore nei nostri laboratori mentre altri vengono selezionati da altri produttori e commercializzati nei nostri Show Room,ma anchessi sono di ottima manifattura a di altissima qualità i Marmi che rispecchiano i nostri standard qualitativi,in quanto ci facciamo garanti dei prodotti commercializzati in prima persona.

La L.M.T. e fiera nella propria nomea costruita passo passo durante il tempo e adesso siamo lieti di poter affermare di essere vero punto di riferimento per tutti coloro che vogliono avvicinarsi ad una azienda seria che collabora sia con i privati che con altre aziende,ma soprattutto con architetti che con i loro disegni vogliono stupire tutti i designer e grazie alla nostra esperienza e i nostri consigli assieme riusciamo a realizzare opere che resteranno nella storia dei tempi.